Film che parlano di architettura: film e architetti

I grandi classici del cinema che contengono elementi di architettura sono una risorsa inestimabile per l’ispirazione e la conoscenza dell’architettura.
Hanno un grande impatto su come noi, come società, percepiamo le strutture intorno a noi e cosa significano per noi. Dalle antiche costruzioni ai capolavori del modernismo, questi film forniscono grande suspense ed emozione.

Film che parlano di architettura alcune pellicole
https://www.pexels.com/it-it/foto/citta-notte-skyline-edifici-7368342/

Film che parlano di architettura: alcune pellicole

Alcuni titoli iconici in questo genere includono:

  • “L’Uomo che Cadde sulla Terra” (1976) di Nicolas Roeg;
  • “Blade Runner” (1982) di Ridley Scott;
  • “The Fountainhead” (1949) di King Vidor;
  • “Metropolis” (1927) di Fritz Lang;
  • “La Finestra Sul Cortile “(1954), diretto da Alfred Hitchcock.

Questi film hanno influenzato la cultura contemporanea moderna attraverso la rappresentazione dell’architettura come mezzo per raggiungere obiettivi socialmente desiderabili o persino individualmente utili. Sono indispensabili per chiunque abbia interesse ad apprendere più sull’architettura e sul design nonché creare un dialogo in materia.

L’architettura nei film: la bellezza delle scenografie

La bellezza dell’architettura nei film è qualcosa di indescrivibile. Le architetture che appaiono sullo schermo sono spesso un riflesso della realtà, ma amplificato da un senso di mistero e meraviglia. I film possono mostrare la bellezza delle costruzioni attraverso angolazioni creative ed eleganza visiva. Gli architetti sono in grado di cogliere la complessa interazione tra luce, colore e forma quando si tratta di strutture architettoniche. Cinecittà ha fatto storia in quanto a scenografie emozionanti.
Dalle grandiose mura auree della Persia antica in “300” alle stupende vedute moderniste del grattacielo Reichstag in “The International“, l’architettura è sempre stata utilizzata come mezzo per dare più profondità ed espressività alla scenografia cinematografica.
La marcia imperiale di Star Wars o le avanguardistiche installazioni del parco Guggenheim Bilbao nel remake di Ocean’s Twelve sono altri esempi straordinari che dimostrano come gli studi d’arte abbiano reso possibile rappresentare la bellezza dell’architettura nella sua forma più pura ed emozionante.

Film che parlano di architettura alcune pellicole 2
https://www.pexels.com/it-it/foto/vista-dall-alto-degli-edifici-della-citta-1126754/

I migliori documentari sull’architettura

Oltre ai film ci sono anche interessanti documentari che hanno come protagonista l’architettura, che sono un ottimo modo per approfondire la conoscenza della storia e della pratica dell’architettura. Questi documentari offrono una visione più profonda ed esplorativa di alcuni degli edifici più iconici, mostrando come questi si connettano alla cultura architettonica contemporanea.
Tra i più famosi film di architettura c’è La Città Che Sale (2014), un documentario diretto da Riccardo della Casa che esplora la rivoluzione urbanistica di Roma durante i decenni del Novecento.
È possibile anche guardare Il Giappone Sotterraneo (2017) che esamina il tessuto urbano sottostante Tokyo, le tracce storiche e culturali che vi si nascondono.
Un altro must-watch è Il Respiro degli Appartamenti (2008) di Mihai Radu, in cui l’architetto israeliano Itay Turbiner racconta la storia delle tradizioni costruttive nello sviluppo abitativo di Tel Aviv.
Queste e molte altre pellicole sono tutte interessanti fonti informative che offrono un punto di vista su come le persone vedono l’architettura attorno a loro.

Come l’architettura influenza i film, i personaggi e le atmosfere

L’architettura ha sempre avuto un ruolo fondamentale nei film. Dal design delle scene, alla scelta dei set, l’architettura gioca un ruolo importante nella narrazione cinematografica.
Gli architetti sono spesso incaricati di costruire gli interni e gli esterni di un edificio per incorporare elementi narrativi nel film.
Ad esempio, le stanze possono essere progettate in modo da rappresentare il personaggio principale e le sue relazioni con altri personaggi. L’architettura può anche fornire alcuni elementi esteticamente piacevoli che contribuiscono a creare l’atmosfera perfetta per la trama del film.
L’arte visiva può essere utilizzata per mostrare le differenze tra città o paesi diversi e come talvolta l’ambiente circostante influenza il carattere dell’antagonista o protagonista.

L’impatto dell’architettura sulla storia del cinema: il cyberpunk

Molti autori hanno utilizzato le architetture come luogo di azione, teatro emotivo e simbolo per le loro storie. Dalle grandi città industriali alle case che raccontano la storia delle famiglie, dai templi antichi al modernismo futuristico, il patrimonio costruito è stato un punto focale dell’arte cinematografica per decenni.
La sua presenza nella rappresentazione dello spazio può essere vista in film come Metropolis (1927) di Fritz Lang per gli effetti futuristici, Casablanca (1942) con i suoi edifici coloniali tipici o Blade Runner (1982) che ha contribuito alla creazione di un nuovo genere chiamato cyberpunk. L’architettura è anche diventata parte integrante dell’esperienza cinematografica poiché essa ispira sia il senso estetico degli autori che la percezione degli spettatori.

Foto di Isaac Garcia: https://www.pexels.com/it-it/foto/persone-edificio-architettura-usa-13821427/

Foto di Balazs Simon: https://www.pexels.com/it-it/foto/citta-notte-skyline-edifici-7368342/

Foto di Viento Wang: https://www.pexels.com/it-it/foto/vista-dall-alto-degli-edifici-della-citta-1126754/

Rispondi