Vai al contenuto
Home » Articoli » Agenda 21, appunti di quando ero studente…

Agenda 21, appunti di quando ero studente…

Innanzitutto…chi sono?

Salve, sono ArchBonni, e sono un architetto abilitato dal 2009, che si occupa di formazione di aspiranti architetti, dal test di ingresso all’abilitazione.
Guido lo studente di architettura in tutte le sue difficoltà, facendo da tutor per quanto riguarda relazioni di tirocinio, tesine, le materie più note del percorso triennale e specialistico, fare un bel portfolio, e, dopo la laurea, orientamento al lavoro ed aiuto a presentare il proprio lavoro in un bel book, sistemare il CV, fare dei biglietti da visita e tanto altro.
Si, esatto! Sono un architetto abilitato e faccio anche l’Archi-Tutor.
In questa pagina metto a disposizione gratuitamente del materiale.
Ti prego, se questo materiale ti fosse utile, di lasciarmi 5 stelle su facebook o su Google

E adesso ecco il materiale gratuito che potrebbe esserti utile…

Quando frequentavo il secondo anno di architettura, feci una tesina su Agenda 21 e sulla mia visione dell’urbanistica, per il professor Arturo Beltrami.

Visto che sembra ancora letta, da Academia.edu, ho dediso di condividerla, anche se rappresenta una visione ingenua, ma pur sempre utile a chi ci dovesse lavorare.

Principi_Agenda21

Quando si è giovani e appassionati di architettura, è inevitabile esplorare e condividere le proprie idee sulla progettazione urbana. Durante il mio secondo anno di studi in architettura, ho avuto l’opportunità di fare una tesina su Agenda 21 e sulla mia visione personale dell’urbanistica. Questo lavoro è stato svolto per il professor Arturo Beltrami, un mentore stimato e appassionato del settore.

Recentemente, ho notato che la mia tesina sembra ancora essere letta e apprezzata su Academia.edu. Questa scoperta mi ha spinto a condividerla con un pubblico più ampio, nonostante rifletta una visione ingenua e immatura. Tuttavia, sono convinto che possa essere comunque utile per coloro che sono interessati a lavorare nel campo dell’urbanistica e vogliono esplorare diverse prospettive.

La mia visione dell’urbanistica, espressa in questa tesina, era incentrata sull’Agenda 21, un programma delle Nazioni Unite che mira a promuovere lo sviluppo sostenibile nelle città di tutto il mondo. Ho analizzato e discusso i principi fondamentali di Agenda 21, concentrandomi sul contesto urbano di Milano.

Nel mio lavoro, ho approfondito il progetto urbanistico di Garibaldi-Repubblica a Milano, esaminando le sfide e le opportunità che l’area presentava in termini di sostenibilità, connettività e qualità della vita. Ho sottolineato l’importanza di una pianificazione urbana integrata, che tenga conto delle esigenze sociali, economiche ed ambientali delle comunità locali.

La mia tesina rappresentava la mia visione personale dell’urbanistica in quel momento della mia formazione. Era caratterizzata da un entusiasmo genuino e da un desiderio di contribuire a un futuro più sostenibile e inclusivo attraverso la progettazione delle città.

Condividere questa tesina su Academia.edu è stata una scelta consapevole, nella speranza che possa essere d’ispirazione per altri studenti e professionisti del settore. Riconosco che il mio punto di vista è evoluto nel corso degli anni e che ho acquisito una maggiore consapevolezza delle complessità dell’urbanistica. Tuttavia, credo che sia importante ricordare le nostre radici e le idee che ci hanno spinto ad intraprendere questo percorso professionale.

Quindi, se sei interessato a esplorare una visione passata dell’urbanistica e a vedere come sono cambiate le prospettive nel corso del tempo, ti invito a leggere la mia tesina intitolata “La mia visione dell’urbanistica prima del corso”. Spero che possa stimolare la tua curiosità e offrire spunti interessanti per le tue riflessioni sul futuro delle città e dell’architettura.

Ricorda che la conoscenza e la condivisione delle idee sono fondamentali per il progresso del nostro settore. Ognuno di noi ha una voce unica da offrire e la capacità di influenzare positivamente il mondo che ci circonda attraverso il nostro lavoro. Che tu sia uno studente, un professionista o semplicemente un appassionato di architettura, non sottovalutare mai il valore delle tue idee e delle tue esperienze.

Continua ad esplorare, a condividere e a contribuire alla costruzione di un futuro migliore per le nostre città e per l’architettura in generale. Sono convinto che il nostro impegno possa fare la differenza.

Rispondi